fbpx

Quale fotocamera scegliere per le tue foto?

Se non sei un fotografo professionista o un appassionato di fotografia, scegliere una fotocamera digitale che sia in linea con le tue esigenze o con le tue aspirazioni può risultarti molto difficile.

In commercio puoi trovarne migliaia di modelli, con funzioni, dimensioni e soprattutto prezzi diversi.

Ma quale fotocamera scegliere per scattare le nostre foto? Una comoda Compatta, una versatile Mirrorless, una professionalissima Reflex o semplicemente uno Smartphone?

Per aiutarti nella scelta ti faccio una panoramica su queste diverse tipologie di fotocamere digitali.

Ma attenzione! Prima di scegliere pensa sempre alle tue esigenze!
Spendere soldi per una reflex, perché sembra la tipologia più fika, è assurdo se poi la utilizziamo o la vogliamo utilizzare solo per fare le foto alla festa di compleanno, oppure non sopportiamo di portarci dietro borse e con obiettivi e cavalletti.

 

 

FOTOCAMERA COMPATTA
[ torna al menu ]

In genere sono tra le fotocamere più economiche, più semplici da utilizzare e anche le più facilmente trasportabili in una borsetta poco ingombrante.
Queste fotocamere in genere hanno solo la funzione automatica, a volte con il riconoscimento del volto e del sorriso, ma salendo con il prezzo se ne trovano alcune che offrono anche controlli manuali per diaframmi, tempi, bilanciamento del bianco e ISO.

Sempre in una fascia di prezzo medio alta è possibile trovare compatte impermeabili, resistenti alle cadute, al freddo, agli urti, alla sabbia e alle infiltrazioni di polvere. Possono anche andare sott’acqua, a profondità variabili a seconda del modello.

Per quanto riguarda gli obiettivi, di solito le fotocamere compatte ne hanno solo uno, fisso e con funzione zoom esclusivamente digitale.
Un discorso a parte va fatto per le compatte bridge e le compatte superzoom, che oltre al digitale hanno anche uno zoom ottico e la possibilità di aggiungere ottiche addizionali all’obiettivo.

La qualità delle foto? In genere buona, se vengono scattate in condizioni di luce ideali. Infatti le fotocamere compatte non sono indicate per gli scatti con poca luce in interni e neppure per i soggetti in movimento. L’escursione dello zoom nelle compatte di bassa fascia di prezzo, sufficiente per panorami e ritratti, di solito non permette foto da grande distanza. Anche per la fotografia macro queste macchinette fotografiche non sono il massimo.
In più c’è il problema dalle profondità di campo: con una compatta è quasi impossibile ottenere una sfocatura marcata dello sfondo, ad esempio per far risaltare il soggetto in un ritratto.


FOTOCAMERA REFLEX
[ torna al menu ]

Molti si lasciano intimidire di fronte a una reflex, molto spesso per il prezzo, e alla fine scelgono un’altra macchinetta. L’acquisto di una reflex di certo non è un passo obbligatorio, ma prima o poi nella propria vita di un fotografo, principiante, appassionato, è un’ipotesi che si realizza.

La reflex è veloce, mette a fuoco rapidamente e con precisione anche i soggetti in movimento, e offre sia funzioni automatiche che controlli manuali. La qualità delle foto è la migliore che si può trovare sul mercato.

Quello che può frenare l’acquisto sono il prezzo e le dimensioni. Mentre per una fotocamera compatta possiamo spendere anche 30€, per una reflex usata in buone condizioni ci vogliono almeno 300€. Per non parlare poi degli obiettivi! Anche l’ingombro può essere un problema se non si sopportano borse o zaini pieni di obiettivi e accessori vari.


FOTOCAMERA MIRRORLESS
[ torna al menu ]

Le mirroless sono delle fotocamere a metà strada tra le reflex e le compatte: hanno ottiche intercambiabili, proprio come le reflex, ma sono prive di mirino, come le fotocamere compatte, e soprattutto non hanno lo specchio.
E’ la mancanza dello specchio (da qui mirror less, senza specchio) una delle caratteristiche che contraddistingue di più questo genere di macchinette fotografiche.
Gli ingombri e i pesi sono ridotti rispetto a quelli delle reflex proprio perché manca il sistema a specchio di cui sono dotate le reflex.

La risposta della messa a fuoco automatica e dello scatto è più rapida rispetto a quella delle compatte, mentre la qualità delle foto è comparabile con quella delle reflex.

Escludendo alcuni tipi particolari di mirrorless, che sia per qualità che per prezzo battono anche le reflex, queste macchine fotografiche sono indicate generalmente indicate per chi vuole fare il salto di qualità dalla compatta, ma anche strumenti divertenti per l’appassionato e il professionista che vogliono sperimentare.


FOTOCAMERA SMARTPHONE
[ torna al menu ]

Oggi gli smartphone sono dotati di una fotocamera con sensori sensori fotografici sempre più potenti. Per quelli contenuti in un’alta fascia di prezzo, la qualità delle foto può essere paragonata a quelle di una reflex semi-professionale.
Lo svantaggio della fotocamera di uno smartphone è quello di non avere, come le reflex o le mirrorless, un autofocus veloce e preciso, in grado di immortalare perfettamente soggetti in movimento o scattare belle foto anche quando c’è scarsità di luce.

Tra gli accessori per smartphone legati alla fotografia, i più ricercati sono gli obiettivi.
La lenti di alcuni modelli sono anche buone e permettono di scattare foto nitide e con buona risoluzione, ma le lenti progettate e realizzate per le macchine fotografiche reflex sono indubbiamente di un altro livello.

La memoria è uno dei punti deboli degli smartphone: quando è piena può capitare di essere costretti a cancellare foto realizzate in passato per poterne scattare di nuove. Il discorso non è valido per le reflex: una singola scheda di memoria SD permette di scattare centinaia di migliaia di foto, e in caso di spazio esaurito, basta inserirne una nuova per poter continuare a immortalare quelli che consideriamo i momenti più belli.

Il vantaggio immediato per chi decide di lasciare a casa la macchinetta fotografica a favore dello smartphone è la comodità. Molto più piccolo e molto meno pesante, uno smartphone può essere portato in giro senza problemi di sorta e senza che sia di peso nemmeno durante una passeggiata.

La velocità con cui si scatta una foto con lo smartphone è incredibilmente superiore a quella di una fotocamera digitale. Per immortalare l’istante è sufficiente prendere lo smartphone dalla tasca, lanciare l’app per le foto e scattare.
Inoltre sui vari App Store e Google Play Store sono disponibili centinaia di app per modificare foto in pochi istanti e correggere eventuali errori o imperfezioni.

Infine, grazie alla connettività Internet, uno smartphone può condividere immagini nel giro di pochi secondi. Una volta scattata (e magari aggiunto qualche filtro e modificato qualche livello) la foto potrà essere condivisa sul proprio profilo Facebook, Twitter o Instagram.


CONSIGLI SULLA SCELTA DELLA FOTOCAMERA
[ torna al menu ]

Ecco qualche consiglio in più sulla scelta:

  • Per principianti e foto da scattare in famiglia (compleanni, ricorrenze, ecc.) la scelta migliore è una fotocamera compatta automatica;
  • Se ami i viaggi una super zoom tascabile o una mirrorless potrebbero fare al caso tuo;
  • Quando acquisti uno smartphone assicurati sempre della qualità di entrambe le fotocamere, quella frontale e quella posteriore;
  • Ricorda che di una reflex ciò che contano sono gli obiettivi e non il corpo macchina, perché i corpi macchina si rompono, invecchiano e prima o poi vengono sostituiti da nuovi modelli, un obiettivo è più o meno per sempre;
  • Se scegli una fotocamera con lo schermo orientabile sarai più libero nei movimenti, avrai la possibilità di sperimentare nuove prospettive e la tua schiena ti sarà infinitamente grata;
  • In fotografia ciò che conta di più è la foto che si porta a casa, e non l’attrezzatura che ha permesso di scattarla.

Digital Marketing Manager, Copywriter per vocazione, Fotografia, Food e Fashion come passione. Nel tempo libero mi piace ascoltare buone storie.